Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni, anche di terze parti, allo scopo di migliorare la navigazione. Usando il nostro sito acconsenti all'uso dei cookies. Informativa sulla privacy  Direttiva UE e-Privacy

News


Il Geoportale Nazionale del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare opera all’interno del quadro normativo stabilito dal D.Lgs. 32/2010 e s.m.i., recepimento italiano della direttiva europea 2007/2/CE che istituisce un'Infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea (INSPIRE).

L’art. 8 comma 2 del D.Lgs. 32/2010 stabilisce che il Geoportale Nazionale sia il punto di accesso nazionale per gli scopi della direttiva INSPIRE consentendo quindi alle autorità competenti, parti terze e privati cittadini di ricercare le informazioni territoriali disponibili.

Il Geoportale Nazionale è il fulcro di un’architettura di rete pensata come rete federata in cui ciascun nodo è “collegato” con il punto di accesso centrale che è il Geoportale Nazionale stesso. Lo scopo principale è la creazione di un sistema informativo territoriale ambientale diffuso costituito da nodi che rendono disponibili le proprie informazioni territoriali ambientali condividendo i propri metadati: la gestione e l’aggiornamento dei metadati, dei dati territoriali e dei relativi servizi è così effettuata dall’amministrazione che produce il dato senza alcun trasferimento fisico dello stesso. Questa rete è costituita principalmente da autorità pubbliche che possono in questo modo adempiere ai propri obblighi istituzionali inerenti la pianificazione e la gestione del territorio e dell’ambiente.

Il Geoportale Nazionale edita e gestisce i propri metadati che sono conformi sia alla direttiva INSPIRE sia al profilo metadati italiano dettato dal Decreto del 10 novembre 2011 della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha stabilito le “Regole tecniche per la definizione del contenuto del Repertorio nazionale dei dati territoriali, nonché delle modalità di prima costituzione e di aggiornamento dello stesso”. I metadati sono pubblicati utilizzando un servizio di catalogazione(Catalog Service for the Web - CSW 2.0.2.) standard OGC (Open Geospatial Consortium). Il servizio di ricerca è stato implementato utilizzando un approccio distribuito in modo tale che gli utenti, utilizzando un unico punto di accesso, possano compiere ricerche anche su altri geoportali all’interno della federazione.

La maggior parte dei dati disponibili, tutti a livello nazionale, possono essere visualizzati ed utilizzati attraverso servizi web standard OGC come Servizi WMS(Web Map Services), Servizi WFS(Web Feature Services) e Servizi WCS(Web Coverage Services).

Al fine di migliorare la condivisione di informazioni territoriali e ambientali tra autorità pubbliche centrali e locali è stato implementato un servizio WCTS di trasformazione di coordinate (Web Coordinate Transformation Service) utilizzando i grid ad alta precisione resi disponibili dall’Istituto Geografico Militare Italiano (IGMI). Il servizio è gratuito e disponibile a tutti.

La banca dati del Geoportale Nazionale è costituita da informazioni raccolte nel corso del tempo nell’ambito di diversi progetti quali, ad esempio, il Piano straordinario di Telerilevamento Ambientale, dedicato alla prevenzione del rischio idrogeologico, e i progetti nati nell’ambito del Piano Operativo Nazionale (PON) “Sicurezza per lo sviluppo”, in collaborazione con il Comando Carabinieri Tutela Ambiente (CCTA), con lo scopo di migliorare le capacità di monitoraggio del territorio al fine di prevenire reati ambientali.

ˆ